Clicca Mi piace per avere news, sconti e promozioni 
Vita da 80 e 90

Dance anni 90: le canzoni dell’estate

Redazione di RadioSIV
inserita un anno fa
721
0:00
353939

Erano gli anni 90. Il popolo del  rock stava vivendo un suo momento magico con la rivoluzione del grunge con i Nirvana e i Pearl Jam, sul piccolo schermo spopolavano i personaggi del telefilm Beverly Hills 90210 e il mondo del cinema veniva travolto dall'uragano pulp di Quentin Tarantino. Nel frattempo però oltre alle chitarre del rock alternativo di Seattle e agli irresistibili ritornelli pop di gruppi come Blur e Oasis, gli anni 90 sono stati un periodo d'oro per la musica dance. Soprattutto  quella made in Italy, grazie a produttori e dj come Gigi D'Agostino e Robert Miles, o a vocalist come Alexia e Gala. La dance commerciale del decennio ci ha regalato numerosi successi che ancora oggi si ascoltano con grande piacere e un velo di malinconia. Pezzi che in genere venivano lanciati dallo storico programma di Albertino, Fargetta, Prezioso e Molella “Deejay Time” e dal Festivalbar, e che venivano poi ballati per tutta la notte nelle discoteche. Un genere perfetto soprattutto per il periodo più caldo e spensierato dell'anno: l’estate. Per questo vi proponiamo una playlist nostalgica tutta da ballare, composta di brani che hanno fatto la storia della dance commerciale nel corso delle estati degli anni 90.

 

ALEXIA “SUMMER IS CRAZY”



La regina italiana della musica dance. Sono tanti i suoi successi da Ti amo ti amo a Uh la la la, ma la più estiva tra le sue hit  è sicuramente “Summer is crazy”.

 

ICE MC FEAT. ALEXIA “THINK ABOUT THE WAY”


La regina della dance italiana mette il suo zampino anche su un altro dei brani più popolari del decennio: “Think about the way” realizzato insieme al rapper inglese Ice Mc. A rendere questo brano un vero cult ci ha pensato Danny Boyle che lo ha inserito nella colonna sonora di un film icona degli anni 90: “Trainspotting”.

 

CORONA “THE RHYTHM OF THE NIGHT”





Quando si ascolta la voce di della cantante brasiliana Corona si pensa  immediatamente all’estate. Più che una canzone “The Rhythm of the night”  è un viaggio nel tempo e ci riporta direttamente con la mente e con il cuore alle edizioni cult del mitico Festivalbar.

 

HADDAWAY “WHAT IS LOVE”


Uno dei brani simbolo degli anni 90 e più in generale un tormentone senza tempo tanto da essere strato riproposto di recente in una versione rap da Eminem con Lil Wayne nella canzone No Love.

 

ACE OF BASE “ALL THAT SHE WANTS”




Gli svedesi Ace of base era un gruppo formato da due donne e due uomini e un po’ come negli 70’ per gli Abba hanno sfornato una hit dietro l’altra negli anni 90 ed in particolare “All the she wants” di recente rispolverata in chiave rap da Marracash e Guè Pequeno e in chiave più black dai Soul System.

 

DOUBLE YOU “PLEASE DON’T GO”


I Double You hanno preso un brano del gruppo funk Kc& the sunshine band del 1979 e l’hanno riproposto in chiave dance e il risultato fu un successo clamoroso addirittura superiore all’originale.

 

LA BOUCE “SWEET DREAMS”


Ciò che rendeva speciali le canzoni dance degli anni 90 era non sola la loro capacità di far ballare ma soprattutto il loro gusto melodico e in questo caso tra i migliori sono stati senz’altro i La Bouche con brani come “Be my lover” ma soprattutto la loro hit più importante ovvero “Sweet dreams”.

 

SCATMAN JOHN “SCATMAN”


Un tormentone in grado di entrare in testa fin dal primo ascolto. A firmare questa hit è stato John Paul Larkin, noto come Scatman John  un pianista jazz non giovanissimo e affetto da balbuzie.

 

SNAP! “RHYTHM IS A DANCER”


Un vero classico per la generazione cresciuta negli anni 90. Quando partivano gli Snap! iniziava ogni festa. Gli Snap! Sono stati tra i gruppi più rappresentavi della dance di quegli anni facendo ballare un’intera generazione con brani come “The power” e la mitica “Rhythm is a dancer”.

 

 

 

Dance anni 90: le canzoni dell’estate

Copyright 2017 by RadioSIV di Singola Gratis Viaggi di Run@Way SRL - Tutti i diritti riservati - Vietata la copia e la riproduzione anche parziale