Clicca Mi piace per avere news, sconti e promozioni 
Vita da 80 e 90

Sabrina Salerno, la seconda vita dell'icona degli anni '80

Redazione di RadioSIV
inserita 4 mesi fa
153
0:00
252121

Oggi che ha 51 anni Sabrina Salerno è la donna felice che non e' mai stata all'apice del successo. In piena febbre da #metoo che mette insieme la (giusta) persecuzione di uomini responsabili di molestie e abusi sessuali con il divieto di mostrare le belle tifose in tv o di sfilare in bikini , la Salerno difende le sue scelte, inclusa quella di usare il corpo. Che esibisce in una serie di foto estive sul sul profilo Instagram.

Come lei stessa ha spiegato in un'intervista a La Verità: "Ho fatto tanti video in bikini, ma non mi sono mai sentita una donna oggetto. A volte può essere oggetto anche una donna con il burqa. So che può risultare incredibile perché siamo abituati a fermarci all' esteriorità, ma il bikini lo indossano anche donne pensanti". E  ancora: "Cantavo, e se attiravo gli sguardi erano benvenuti. Dovevo vendere dischi, vendere un prodotto: si chiama marketing. Ho fatto tutto con semplicità. Chi vuol vederci altre cose può farlo. Ma ho conosciuto persone molto vestite che erano di una volgarità e di una oscenità spaventose".

Trent'anni fa la sua "Boys Boys Boys" divenne una hit internazionale, e lanciò lei come simbolo erotico del pop piu disimpegnato. Oggi che e' impegnata in nuovi concerti (ma alla larga dall'Italia, che a suo dire la ignora o le propone solo cose brutte) la Salerno si dice in pace con se stessa. E fa chiarezza su alcuni episodi della sua carriera, come la presunta rivalita'con l'altra maggiorata del pop anni Ottanta, ritrovata nel brano e nel videoclip in duo "Call Me", dove le due si baciavano: "Ero stufa di sentirmi dire che ero la rivale di Samantha, come se negli anni ci fossimo sempre azzuffate. Invece a me piace lavorare con le donne. Quando l'ho incontrata le ho detto: zittiamo queste voci". Il brano in duo nacque cosi', compreso il video con bacio saffico: "Fu per divertirci, io sono etero, sposata e mamma".

A proposito dell'altro celebre e criticato duetto, quello a Sanremo con Jo Squillo per presentare Siamo donne: "Il brano era un inno alla donna. Col senno di poi, fu un po' darsi una zappa sui piedi". Il fatto che la Salerno restasse seminuda a meta' esibizione non piacque ne' ai moralisti ne' alle femministe, e il tentativo di passare dalla dance in inglese alla canzone italiana da radio riusci' solo a meta'. Ma sono stati anche anni duri, come ha raccontato: "Sembravo una tigre ma morivo di paura. Ansia, attacchi di panico prima di salire sul palco. Ero depressa, cupa. A 24 anni, dopo il successo e la tournée in Sudamerica, al culmine del successo, dall'alto dei 20 milioni di dischi venduti, non ce l'ho fatta. L'esaurimento nervoso mi ha messo a terra".

Anche per colpa di un manager truffatore: "Ho perso delle opportunità e anche qualche miliardo di lire. Aiutata dagli avvocati sono tornata a galla".  Oggi vive soprattutto per suo figlio, il grande amore della sua vita. 


Si ringrazia tiscali.it per l'articolo.
per leggere l'articolo: https://spettacoli.tiscali.it/photogallery/gallery/Sabrina-Salerno-la-seconda-vita-dell-icona-degli-anni-80/146574/

Sabrina Salerno, la seconda vita dell'icona degli anni '80

Copyright 2017 by RadioSIV di Singola Gratis Viaggi di Run@Way SRL - Tutti i diritti riservati - Vietata la copia e la riproduzione anche parziale